fbpx
lettera-motivazionale

7 errori da evitare nella lettera motivazionale

Reading Time: 3 minutes

Illustration Courtesy of: @annapez

Se siete atterrate su questo articolo, molto probabilmente vi siete addentrate in quell’arduo – ma stimolante – percorso che è la ricerca di un nuovo lavoro. Per impiegare nell’impresa il minor tempo possibile, vi consigliamo vivamente di avere un CV e una lettera motivazionale a prova di bomba.

*Se siete ai primissimi passi, potete fare un veloce approfondimento leggendo questi articoli dedicati: 

“Come scrivere un CV perfetto”

“CV: gli errori da non commettere”

“Come scrivere una lettera motivazionale efficace”

Per aiutarvi a superare con il massimo dei voti questo primo passo nel mondo del lavoro, abbiamo preparato una mini-guida con i 7 errori da non commettere nella scrittura della vostra lettera motivazionale

1) Abbondare con l’autobiografia 

Se è vero che la lettera motivazionale serve a comunicare al responsabile delle Risorse Umane (o HR, Human Resources) la vostra personalità, è altrettanto vero che non dovete abusare di questo strumento per raccontare tutta la vostra vita. 

Scegliete di raccontare solo ed esclusivamente aneddoti che hanno la potenzialità di mettere in risalto diverse capacità che possono tornare utili in situazioni previste dal ruolo per cui vi state candidando. Soprattutto se nei ruoli precedentemente ricoperti non avete acquisito una formale esperienza in merito. 

In generale, quello che vi consigliamo è di evitare di risultare come le vicine chiacchierone che non si ha voglia di incontrare per le scale. Se sarete assunte, ci sarà tempo di raccontare la vostra storia (senza mai esagerare!) e di sviluppare relazioni più profonde con i vostri colleghi.

2) Peccare di egoismo 

Uno degli errori più comunemente commessi: pensare solo a se stesse e a come sarà la propria esperienza una volta assunte. 

Ricordate sempre che chi legge sta cercando la persona perfetta per la propria azienda a dalla lettera motivazionale si aspetta di effettuare il primo screening tra le candidature arrivate. È normale quindi che la lettera motivazionale che attirerà più l’attenzione sarà quella che saprà rispondere il più chiaramente alla domanda: come puoi contribuire allo sviluppo dell’azienda? 

Per rispondere al meglio a questo quesito, l’unica opzione che esiste è studiare l’azienda, la sua cultura, i suoi valori e la posizione che offre, per capire quali sono le vostre caratteristiche da enfatizzare nella lettera.

3) Focalizzarsi sull’educazione 

Per il terzo errore, ci rivolgiamo soprattutto alle ragazze che sono appena uscite dall’università e che, di conseguenza, non hanno molte (o nessuna) esperienze pregresse per il ruolo per il quale si vogliono candidare. 

In questo caso, la risposta non è raccontare tutti i corsi tenuti né entrare nel dettaglio delle materie preferite. Queste sono tutte info reperibili nel Curriculum Vitate. 

Quello che vogliono sapere i responsabili delle risorse umane o i manager che visioneranno i vostri documenti è cosa potete fare concretamente dal giorno uno che entrate in azienda. Per capirlo, hanno bisogno di capire cosa siete capaci a fare / cosa vi viene meglio. 

Per esempio, se vi state candidando per un ruolo nell’amministrazione e avete sempre aiutato vostra mamma a tenere la contabilità nell’attività di famiglia, raccontate come questa esperienza può tornarvi utile. 

4) Ripetere il CV

Il Curriculum Vitae e la lettera motivazionale sono due cose diverse e pertanto devono comunicare informazioni diverse. Se il CV deve presentare il vostro percorso tenendosi ai fatti, la lettera di motivazione deve presentare voi stesse e il perché potreste essere un valore aggiunto per l’azienda. 

Non sprecate quindi preziose righe della vostra lettera motivazionale per ripetere quanto si può leggere già sul CV. Piuttosto, cogliete l’opportunità per ampliare il punto elenco delle vostre esperienze evidenziando ciò che avete imparato e che potete riapplicare nel nuovo ruolo. 

Per esempio, raccontate cosa tra la vostra passione / personalità / etica del lavoro vi ha aiutato a raggiungere uno degli obiettivi di cui siete orgogliose e perché.

5) Chiedere scusa

Quando non si ha l’esperienza richiesta nell’offerta di lavoro, è facile ricorrere a frasi del tipo “Nonostante io non abbia l’esperienza richiesta…” oppure “Anche se non ho mai ricoperto lo stesso ruolo…”. Ecco, evitate come la peste! 

Quando scrivete la vostra lettera motivazionale dovete essere positive e sottolineare solo le vostre forze, non le debolezze. Se volete proprio parlare di ciò che vi manca, fatelo raccontando cosa avete fatto in passato che vi può aiutare ad arrivare dove desiderate.

6) Dimenticare la passione

Per ottenere il lavoro dei propri sogni bisogna essere memorabili e far trapelare dalle parole la propria passione e la propria voglia di mettersi in gioco. 

Spesso ci si dimentica che i responsabili delle Risorse Umane leggono decine e decine di candidature e la maggior parte vengono scartate nel giro di pochi secondi. Il motivo? Sono tutte uguali e solo pochissime si dimostrano compatibili con ciò che cerca l’azienda: una persona appassionata dell’industria in cui dovrà lavorare.

7) Peccare di Hybris

Hybris in greco antico vuol dire letteralmente “tracotanza”, “eccesso”, “superbia” e – come suggerisce la Treccani – nella cultura greca antica, rappresenta l’orgoglio che, derivato dalla propria potenza o fortuna, si manifesta con un atteggiamento di ostinata sopravvalutazione delle proprie forze, e come tale viene punito dagli dèi.

In questo caso – in parole povere – gli dèi vi puniscono con degli errori imbarazzanti che potevate benissimo evitare se non vi foste sentite al di sopra della perfezione e vi foste ricordate di rileggere mille volte prima di inviare la lettera motivazionale!

Share

More Posts

Carriere emergenti: i lavori del futuro e come prepararsi

Reading Time: 3 minutes Il mondo del lavoro è in costante evoluzione, guidato da rapidi progressi tecnologici e cambiamenti sociali. Per rimanere competitive nel mercato del lavoro del futuro, è essenziale comprendere i trend

Career Day #2: Un Successo da Replicare

Reading Time: 3 minutes Nel panorama competitivo del reclutamento e della gestione delle risorse umane, eventi come il Career Day organizzato da GRLS rappresentano un’opportunità unica per connettere aziende innovative con talenti emergenti. Questo

Contact us