GRLSClub: Raffaella Grisa di Shibui e WA:IT

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Reading Time: 4 minutes

Ingegnera, traveller, creativa e mamma: stiamo parlando di Raffaella Grisa, founder di Shibui Italia, un “contenitore di bellezza” come lo definisce lei, che si occupa di distribuzione beauty indipendente. 

Dall’amore per la cultura e bellezza giapponese, Raffaella ha dato vita anche a WA:IT, brand di clean beauty dalla filosofia pura e minimal, e primo brand in Europa ad essere Carbon Negative.

Raffaella fa parte del nostro GRLSClub e questa è la nostra intervista!

Foto di Raffaella Grisa Founder di Shibui e WA:IT

 

Ciao Raffaella, ci racconti un po’ di te e del tuo percorso lavorativo? Cosa ti ha portato qui, oggi?

Ciao GRLS, il mio percorso lavorativo parte da un background di formazione ingegneristica per dipanarsi in una direzione in cui i numeri hanno poco alla volta lasciato spazio al viaggio.

Il viaggio è una delle costanti della mia vita e il mio lavoro, per uno strano caso del destino, mi ha portato a guardare ad Oriente: dall’Europa dell’Est, ai Paesi del Caucaso verso la Cina ed infine il Giappone. Ho ripercorso le tappe di un moderno Marco Polo insomma. La mia attività consisteva nel esportare eccellenze del Made In Italy dei settori calzaturiero, food e design e operare anche attività di consulenza per chi volesse approcciarsi a quei mercati esteri. Questo è stato il mio lavoro per circa 20anni.

Nel settembre 2018 il cambiamento di rotta, l’inizio della mia nuova vita in cui l’Ing. ha lasciato spazio a Raffaella.

Come sono nati Shibui e poi WA:IT?

Proprio in quel pomeriggio di settembre 2018 in una Tokyo assolata, quando ho compreso che la mia vita lavorativa avrebbe preso un’altra direzione e ritmi più lenti, sia Shibui che WA:IT erano progetti allo stadio embrionale nella mia mente. Ero utilizzatrice entusiasta dei prodotti di skincare tradizionale giapponese e quando ho compreso che in Italia non li trovati ho pensato, con un pizzico di follia, di importarli e distribuirli (Shibui) e che avrei potuto anche creare prodotti con i meravigliosi ingredienti che avevo iniziato ad usare in purezza in Giappone (WA:IT)

Spendo una parola sul nome WA:IT, WA ha il significato di pace ed armonia quella che ho trovato in quel caldo giorno di settembre a Tokyo e che ho riscoperto dentro di me e IT è il suffisso per tutto ciò che è italiano, perché WA:IT è totalmente Made in Italy. Allo stesso tempo se leggiamo la parola WAIT assume in inglese il significato che esplica al meglio la filosofia dietro il brand: fermati,  aspetta, guardati dentro, prendi del tempo per te.

I valori del brand sono: rallentare per mettere la persona al centro, un reale approccio olistico alla bellezza, sostenibilità declinata a 360°.

Cosa ti ha portato a scegliere il mondo beauty giapponese?

Ho sempre guardato con curiosità la cosmesi in generale ma avevo un atteggiamento scostante, dopo i 40 anni vedevo la mia pelle peggiorare di giorno in giorno, saltavo da un prodotto all’altro senza vedere i risultati sperati; nel 2017 colleghe Giapponesi mi hanno introdotto al mondo dei rituali tradizionali di bellezza, ho iniziato ad utilizzare RUHAKU, Eau de Ki, lo Slim Cera Plus e meravigliosi oli estratti da ingredienti Giapponesi (che sono diventati poi gli ingredienti chiave di WA:IT). In breve ho visto la mia pelle rifiorire, minimo sforzo massima resa.

Tanto è cambiata e migliorata la mia pelle che allora a 47anni ho abbandonato completamente il make up, felice di vedere la mia luminosità ritrovata.

Flat lay con prodotti di Shibui, Raffaella Grisa

Siete la prima azienda a diventare Carbon Negative: quanto è importante per te la responsabilità e l’impatto ambientale?

WA:IT è diventato nel 2021 il primo brand carbon negative europeo. Le cose arrivano quando si crede fermamente nei propri valori, dal 2012 cerco di vivere nel mio quotidiano in modo sostenibile, questo è stato uno dei motivi che mi hanno portato a cambiare la mia vita lavorativa nel 2018, per anni ho vissuto a due velocità “slow living” nel mio privato e troppi aerei ed emissioni nel mio lavoro. 

Lo status di carbon negative non è stato cercato, è arrivato, era la primavera 2020 e l’Italia era bloccata nel lockdown più duro, WA:IT doveva essere lanciato a breve e devo dire grazie al mio background da ingegnere che ha fatto sì che partecipassi ad un webinar condotto da un’università americana sui materiali sostenibili. Ha avuto inizio tutto lì, il mio brand è entrato a far parte di un progetto di ricerca sulla sostenibilità della Cornell University che ci ha portato in lunghi mesi di confronto con studenti e docenti, analisi e computo di dati ad ottenere lo status.

Flat lay con prodotti di Shibui, Raffaella Grisa

Quali sono i prodotti che non possono mancare nella tua routine?

Less is more! Questo è il mio mantra. Nella mia vita precedente giravo con beauty cases enormi, ora utilizzo pochi prodotti, semplici e performanti, quelli che distribuisce in esclusiva in Italia Shibui.

Shibui non è un brand ma è un contenitore di bellezza come amo chiamarlo io, una piccola società di distribuzione beauty indipendente.

In estate la mia routine si riduce all’osso: detersione con il reset cleansing oil RUHAKU e alternativamente con OFURO di WA:IT, Eau de Ki e qualche goccia di OMNI oil WA:IT.

Che consiglio daresti alla te di 10 anni fa?

Il consiglio che posso dare alla me di 10 anni fa è di capire che tutto parte da noi stessi, siamo gli attori principali della nostra vita anche quando pensiamo che le nostre azioni siano condizionate dagli altri o da eventi esterni.

E che consiglio daresti ad una ragazza che vorrebbe creare e lanciare un proprio brand beauty?

Io mi sento ancora una neofita nel mondo beauty, sono passati 2 anni e mezzo dalla nascita di Shibui e poco più di 1 anno dal lancio di WA:IT.

Il consiglio che voglio dare vale in tutti i campi, quando si ha una visione, un progetto un cui si crede, andare dritti per la propria via senza farsi condizionare da pareri esterni.

Il cuore arriva dove la mente non vede, che detto da un Ingegnere sembra quasi un paradosso.

Per tutte le amante del beauty: trovate Raffaella sul suo profilo Instagram mentre per i prodotti, vi consigliamo di consultare direttamente i relativi siti:

Shibui

WA:IT