GRLSClub: Erica Isotta Oechslin di Women Plot

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Reading Time: 3 minutes

Women Plot è una realtà indipendente editoriale nata negli ultimi anni, che si occupa di pubblicare e accompagnare le scrittrici in un percorso editoriale fino a mettere in contatto una community di donne, appassionate di lettura.

Erica Isotta, partecipante attiva del nostro GRLSClub è la Founder & CEO di Women Plot e le abbiamo fatto qualche domanda. 

Ciao Erica, raccontaci di te e del tuo percorso – cosa ti ha portata a fare quello che fai oggi?

Allora, bella domanda. Il mio percorso è tutt’altro che lineare. Se mi avessero chiesto anni fa di disegnare la mia vita a ventotto anni penso che difficilmente sarei riuscita a delineare ciò a cui assomiglia oggi. Quello che ha contribuito? Numerose esperienze all’estero (ho vissuto in otto paesi diversi negli ultimi dieci anni), una buona dose di curiosità, una solida gavetta nel mondo della tech dove ho lavorato per cinque anni (in aziende americane tra cui LinkedIn e Salesforce) e una grandissima passione per tutto ciò che è arte, letteratura e prodotto culturale.

L’anno scorso hai lanciato Women Plot: cos’è e cosa ti ha spinto a crearla?

Partirò da lontano, ma in fondo nulla accade per caso. No? Nel maggio del 2020 ho avuto un aborto spontaneo. In questa situazione, l’essere donna si è riconfermata un’esperienza costellata di tabù e frasi da non dire.

Infatti, le donne seguono categoricamente la regola delle dodici settimane secondo la quale una gravidanza deve essere annunciata solo quando le probabilità di aborto spontaneo diminuiscono drasticamente (attenzione, non si azzerano). In sostanza, le donne vengono messe di fronte al fatto compiuto: soffrire in silenzio se l’aborto spontaneo si verifica entro le dodici settimane (quando la probabilità che accada è di fatto piu alta).

Mi sono sentita messa in silenzio, all’angolo, senza poterne davvero parlare con nessuno. La regola delle dodici settimane è solo un esempio di come le donne debbano seguire delle fake rules imposte dalla società per venire da questa accettate.

Women Plot nasce così dall’esigenza di amplificare la voce delle donne in un mondo, quello dell’editoria, dove c’e ancora un bias (conscio o inconscio che sia) verso le donne che scrivono libri. Per esempio, perché non studiamo donne autrici in letteratura italiana alle superiori? E non ditemi che non ce ne sono perché ad esserci ci sono.

“Abbiamo il dovere di dare alle donne degli esempi a cui ispirarsi, raccontare loro che ogni storia merita di essere ascoltata.”

Editoria al femminile: perché hai scelto di pubblicare il tuo primo libro da sola?

In quel momento studiavo in Bocconi dove l’imprenditoria era incoraggiata da tutte le persone che mi circondavano. Avevo tantissima fame e voglia di mettermi alla prova. Ho utilizzato tecniche nuove al tempo (digital PR e influencer gifting nel 2014 non lo faceva praticamente nessuno). Ho seminato molto e tutt’oggi raccolgo i frutti del lavoro svolto sette anni fa.  

E quali sono gli ostacoli che hai affrontato come scrittrice indipendente donna? 

La mia esperienza è stata positiva, in linea di massima. L’ostacolo maggiore che ho dovuto affrontare e stato accettare che il mio libro non sarebbe piaciuto a tutti. L’arte è soggettiva e nonostante lo sapessi bene in teoria, in pratica i primi haters hanno fatto molto male.  Sui social non ci sono solo cose belle e critiche costruttive, ma anche commenti cattivi e non è semplice destreggiarsi a ventidue anni quando instagram era solo agli inizi. Per questo mi sono poi allontanata fino alla pubblicazione del mio secondo libro con casa editrice nel 2018.

Torniamo a Women Plot: ci sono degli elementi particolari che cercate nelle vostre autrici?

Women Plot parte dal principio di non discriminazione. Non è una proposta di lavoro per cui cerchiamo dei profili in linea. Cerchiamo contenuto: libri ben scritti che possano ispirare, grazie al loro contenuto, tutte le persone che scelgono di leggerci.

Secondo te quale sarà il futuro della lettura?

Per il libro inteso come prodotto culturale prevedo un aumento nella produzione e nel consumo di audiolibri. Il digitale per noi è fondamentale e tutti i nostri libri vengono prodotti in formato cartaceo, e-book e audiolibro.

Se sei interessata a pubblicare la tua storia:

Invia il tuo manoscritto completo a hello@womenplot.com.

Women Plot ha 15 autrici emergenti in pubblicazione quest’estate: se siete amanti della lettura, dell’empowerment femminile e state cercando nuovi libri da leggere , non vi resta che visitare il loro sito ed entrare nella community!

Il sito di Women Plot
https://womenplot.com/

Il profilo Instagram di Women Plot
https://www.instagram.com/womenplot/

Il profilo Instagram di Erica
https://www.instagram.com/ericaisotta/