Cosa fa un’Architetta? Scopriamolo con Mariana Martini

condividi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Reading Time: 3 minutes

Mariana Martini è una donna che è arrivata in Italia per cambiare il modo di vedere la sua professione.

Laureata in Architettura in Brasile, ha fondato il suo primo studio a Rio nel 2012. Dopo due anni ha interrotto i propri progetti trasferendosi a Milano per frequentare un Master in Home Luxury Collection Design presso il prestigioso Istituto Marangoni. Una volta finito, Mariana ha iniziato a lavorare presso Matteo Thun & Partners, uno dei più grandi e riconosciuti studio di architettura italiani.

Nel 2017 ha fondato il suo studio Milanese e nel 2018 Fanni Szarvas, architetta d’interni Ungherese, si è unita allo studio ed è diventata sua partner, raccogliendo ancora più internazionalità allo studio formato solo di donne che dopo solo 4 anni di carriera internazionali e più di 150 progetti conclusi, ha vinto ben 7 AWARD ed è diventato Ambassador di Archiproducts Milano e Young Women Network, la prima associazione in Italia dedicata all’empowerment delle giovani donne.

Nel 2020 Mariana è diventata docente presso l’Istituto Marangoni Design School.

Foto di Mariana Martini nel suo studio

I progetti di Mariana Martini puntano ad essere spazi funzionali e minimal con forte carattere in un stile definito da loro “Urban Tropical”, quindi la tropicalità Brasiliana inserita nella città urbana. Questi tocchi di natura sono caratteristiche di uno stile di vita “carioca” che è sempre stata una grande fonte d’ispirazione grazie alla sua origine.

Abbiamo chiesto a Mariana di spiegarci che cosa significa lavorare come architetta e di portarci dietro le quinte del suo studio.

“Le professioni di architetta e Interior Designer sono due figure vicine, l’architettura è più tecnica quindi grazie a questo io riesco ad avere i miei due mondi: il mondo creativo e anche il mondo razionale, più tecnico.”

Foto di Mariana Martini al lavoro come architetta

“Serve tanto capacità di problem solving, perché i cantieri non sono prevedibili: possono succedere tante cose e tu devi essere flessibile e capire al momento, avendo pazienza e tenacia.”

La giornata tipo di Mariana

Mattino: “Alle 9 arrivo in studio, vedo le cose assieme al mio team, facciamo dei meeting e disegniamo. Organizziamo i meeting online, e le varie chiamate con i clienti, vediamo dei prodotti, controlliamo i campioni, facciamo i moodboard e videoboard.”

Pomeriggio: “Cerchiamo di fare le uscite, network, fare eventi, cercando di puntare ai prossimi clienti. Ora che faccio anche la mamma, le mie giornate si sono accorciate un pochino.”

“È un lavoro che consiglio a chi ama mantenere un lato creativo, e che non ha paura di divertirsi al lavoro.”

Foto di Mariana Martini nel suo studio
“Credo molto nel benessere: per essere ispirati dobbiamo essere rilassati e tranquilli, e mantenere una vita privata.”
Foto di Mariana Martini con suo marito Gustavo e il loro bimbo, seduti su O un progetto di outdoor disegnato da loro
Mariana con suo marito Gustavo e il loro bimbo Oliver, e "O", arredo outdoor disegnato da loro