Abbiamo intervistato Iris Skrami di Renoon

Reading Time: 3 minutes

Un paio di anni Iris fa stava cercando un vestito nero per una cerimonia e voleva che fosse completamente sostenibile. Una ricerca apparentemente semplice che l’ha ispirata a creare e fondare Renoon: una piattaforma che cura brand sostenibili e che collega diversi siti, per garantire la massima esperienza per il cliente.

Oltre a questo, Renoon è diventata una vera e propria community di persone che credono fortemente in questo tema, e oggi Renoon offre diversi tool per creare maggiore educazioni attorno al binomio moda e sostenibilità, combattendo anche il greenwashing.

È per questo che Iris è la Future Leader della settimana.

Ciao Iris, ci racconti quanti anni hai, di dove sei e cosa hai studiato?

Ciao GRLS! Sono Iris, ho 27 anni, sono nata e cresciuta a Milano ed è da 5 anni che vivo ad Amsterdam, e ho studiato Marketing Management.

Che cosa è Renoon?

Circa 2 anni fa ho provato a cercare un vestito nero e volevo che fosse sostenibile, e ci ho impiegato un mese e mezzo per trovarlo. È così che è nata Renoon: che è un app che ti permette di trovare capi di moda sostenibile da molteplici siti in contemporanea. È anche un ottimo tool per creare un’educazione attorno a questo tema, contro al greenwashing.

Cosa ti ha portato a fondare e lanciare Renoon?

In realtà io non ho mai pianificato di diventare imprenditrice, però di fronte a questo problema mi sono resa conto che era talmente grande ed importante per me come consumatrice, ma anche come persona che lavorava nella moda, considerando il fatto che la moda è una delle industrie più inquinanti (più inquinante dell’aviazione e dei trasporti messi assieme). E così, spinta dalla mia passione e da questa realizzazione che forse era la cosa giusta per me, ho deciso di fondare Renoon con una missione molto grande e sogni altrettanto grandi.   

In realtà Renoon è una community che raggruppa noi come persone che vogliamo mettere le nostre azioni in quello che veramente crediamo.

 A chi parla Renoon?

Renoon parla principalmente ad una donna dai 20 ai 35 anni, che sta cambiando il modo in cui acquista, quindi è una donna che già si sente responsabile e che si vuole prendere la responsabilità delle proprie azioni, e conosce l’impatto che può avere come persona singola con le decisioni che prende. E quindi, essere parte attiva della soluzione.

Cosa ti ha spinto ad indagare il mondo della moda sostenibile?

La mia passione per la moda e per la sostenibilità nascono durante il mio periodo universitario, mi ricordo che sono tornata dal mio Erasmus e dicendo a mio padre “voglio diventare la Chief Sustainability Officer per una grande azienda” poi però ho preferito essere dalla parte della soluzione e così anche tutte le decisioni che ho preso un po’ per carriera, ma anche la città in cui sono andata a vivere, Amsterdam, mi hanno portato sempre più vicina a questo mondo.

Quale è stato l’aspetto più difficile nel creare una Start-Up come Renoon? 

Proprio per combattere il greenwashing, Renoon ha sviluppato un algoritmo proprietario che permette di analizzare la composizione di elementi complessi a livello di prodotto, non solo di brand. Proprio per questo costruire il Team Tech, ovvero il team iniziale, che venissero a costruire questa cosa insieme a me, sono stati lo scoglio principale. Ovviamente, poi, c’è stata la raccolta fondi, perché appunto essendo una start-up tech ad alto rischio, ha un’alta richiesta di capitale iniziale.  

Parlate con le persone: è il consiglio più importante che mi sento di dire a tutte.

Che consiglio daresti ad una ragazza che si sta approcciando ad una nuova rete di contatti e/o investitori?

Ricevere investimenti non è stato semplice, soprattutto da persone di altro profilo, com’era il mio obiettivo, tra cui l’ex CIO di Gucci, il CEO di Lanieri, il CTO di Yoox/NetAPorter. Quello che consiglio è di iniziare a parlare con le persone che stimate tanto e che conosco l’industria che volete andare ad innovare. Andare e approcciare queste persone anche con un’idea, magari vi prenderanno per delle persone che non hanno ancora tutto pronto, magari non investiranno subito, ma facendo vedere loro che da un’idea siete riusciti a passare ad un prototipo, e dimostrando di essere molto focalizzate e determinate sulla vostra idea.

Anche voi siete amanti della moda sostenibile?

  • Visitate il sito e scaricate l’App che è disponibile sia su Apple Store che Google Store;
  • e seguite la loro pagina Instagram;

Contact us